Varanasi – India

IMG_0222

Varanasi, possiamo chiamarla Benares, anche se è dal 1956, che nel processo di ridenominazione avviato dopo la fine dell’impero britannico, ha cambiato il suo nome.  Molti  indiani nostalgici però la chiamano ancora così.  Che città è Varanasi?  Perché andare a Varanasi? Da qualche parte ho letto che a Varanasi non si va per vedere monumenti, non ce ne sono, essa stessa però è un monumento.

Continua a leggere “Varanasi – India”

Il “miracolo” di Vilnius

012

Tra il 1987 e 1991 nelle allora RSS, Repubbliche Socialistiche Sovietiche, si susseguirono degli eventi legati alla volontà di ritornare all’ indipendenza, il periodo andò sotto il nome di “rivoluzione cantata”.  Henz Walk, attivista ed artista di origine estone, pubblicò un articolo in un settimanale coniando il termine  dopo una  manifestazione nell’ambito del  festival della canzone svoltosi a Tallin del 1988.

Continua a leggere “Il “miracolo” di Vilnius”

Il Timkat – Etiopia

075m

Il cristianesimo etiopico, definito abitualmente copto, celebra in tutta la nazione, secondo il loro calendario Giuliano, l’epifania e il battesimo di Gesù il 19 Gennaio. Per la sua magnifica scenografia Gondar è sicuramente una delle città, dove il Timkat è più coinvolgente. L’antica capitale, fondata dal re Faselide nel 1635, viene definita anche la “Camelot d’Africa” per la sua Cittadella Reale.

Continua a leggere “Il Timkat – Etiopia”

Saintes-Maries-de-la-Mer – Camargue

044mx

Tra il fiume Rodano e il mar Mediterraneo, 85.000 ettari formano  un  territorio chiamato  “le bocche del Rodano”,  un luogo di acqua e di terra, nella regione francese della Camargue.  Un habitat ideale per incontrare stormi di uccelli acquatici e fenicotteri rosa, ma anche i famosi  cavalli bianchi e tori che qui vengono allevati in piena libertà.

Continua a leggere “Saintes-Maries-de-la-Mer – Camargue”

La Vache qui pleure – Algeria

227

Un mare di sabbia di una bellezza sconvolgente, un luogo che ti penetra l’anima, come solo il deserto può fare, è il Tassili n’Ajjer, il vasto altopiano nel sud-est dell’Algeria ai confini della Libia, Niger e Mali, che copre una superficie di 72.000 Kmq. Qui il Sahara è custode di un tesoro d’arte rupestre che comprende 15.000 tra disegni, incisioni e pitture e per il suo valore universale è annoverato tra i siti patrimonio Unesco.

Continua a leggere “La Vache qui pleure – Algeria”